Museo Irgoli

Vai ai contenuti

Menu principale:

Museo

 
“L'ANTIQUARIUM" DI IRGOLI”


L’Antiquarium di Irgoli, ospitato nella vecchia sede municipale, in Via San Michele 14, accoglie nelle sue sale reperti provenienti quasi esclusivamente dal territorio comunale, collocabili in un ampio arco cronologico che va dal Neolitico Recente al Medioevo. Ai materiali recuperati da raccolte di superficie condotte negli anni passati dalla locale Associazione C.I.A.S. si affiancano gli oggetti rinvenuti nelle recenti campagne di scavo dei monumenti sacri di epoca nuragica di Janna 'e Pruna e di Su Notante, curate dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici per le Province di Sassari e Nuoro. Il percorso espositivo, articolato su due piani, è concepito con finalità prevalentemente didattiche e grazie ad un ricco arredo iconografico (pannelli esplicativi, planimetrie e riproduzioni fotografiche) consente al visitatore un approccio agevole con le testimonianze di cultura materiale presentate all'interno di 19 vetrine. Gli oggetti esposti toccano i vari aspetti delle attività produttive e della sfera cultuale e spirituale: gli utensili (coti-affilatoio, asce, lame, macine, pestelli, macine asinarie in pietra, asce e scalpelli in bronzo) documentano l'origine e lo sviluppo dei lavori agricoli; vasi bollitoio e colini frangicagliata attestano la lavorazione del latte; recipienti integri o frammentari raccontano la produzione ceramica attraverso i secoli; lingotti frammentari, forme di fusione e il prodotto finito nelle sue molteplici forme mostrano la vivacità creativa dell'artigiano metallurgo; rocchetti, fusaiole e pesi da telaio richiamano le attività, tipicamente femminili, della filatura e tessitura; uno splendido esemplare di pintadera testimonia la preparazione di pani decorati mentre collane in pasta vitrea, collari, spilloni e bracciali in bronzo rivelano il gusto e la cura per gli ornamenti personali; le offerte votive rinvenute negli edifici sacri nuragici di Janna'e Pruna e Su Notante costituiscono infine manifestazioni dell'ambito devozionale, così come, per altro verso, un betilo troncoconico in basalto ed un monumentale concio a dentelli in granito, recuperati da tombe di giganti, rimandano alla sfera funeraria.
** L’Antiquarium Comunale e le aree archeologiche di Janna ‘e Pruna e Su Notante sono attualmente oggetto di un'attività di gestione (curata dalla Cooperativa Liber di Buddusò), finalizzata alla valorizzazione, custodia, manutenzione, apertura al pubblico con servizio di visite guidate, finanziata dalla Regione Autonoma Sardegna su progetto pre¬sentato dal Comune di Irgoli ed in collaborazione con  la Soprintendenza per i Beni Archeologici per le  Province di Sassari e Nuoro.

 

THE IRGOLI’S ANTIQUARIUM


Set in the ancient town hall, on the 14 San Michel street, the Irgoli’s Antiquarium preserve finds gathered almost entirely in the Irgoli’s territory, date in a wide time span, from the Recent Neolithic to the Middle Age. Visitors can see whether the finds recovered by a local association, C.I.A.S., or the materials recovered in the recent archaeological excavations of the sacred nuraghic buildings of Janna ‘e Pruna and Su Notante, conducted by Archaeological Service for Cultural Heritage of the Province of Sassari and Nuoro.  Various Information panels, and photographic reproductions, allows visitors an easy and immediate approach to the material culture evidence presented inside 19 showcase. Finds narrated different aspect to the productive activity, and the faith and spiritual sphere: utensil (sharpeners, axes, blades, millstones, pestles, bronze chisels and axes) testimony the origin and the development of agricultural activity, vase-kettle and strainers attest the processing of milk, various fragmentary and complete ceramic containers, testimony the development of ceramics production in the century; fragmentary copper, moulds and bronze artifact testimony the metal-working, looms and spindles used for spinning and weaving, document typical woman’s activity, a splendid pintadera testimony the creation of decorating bread, while various glass element used to the created necklaces, bronze collars, brooches and bracelets, tell the taste and care for personal ornaments. Very interesting are the votive objects found in the nuraghic sacred building of Janna ‘e Pruna and Su Notante. A basaltic betyl and a granitic dentiled ashlars found in the giant’s tomb narrated the funerary sphere.
**The Irgoli’s Antiquarium and the Nuraghic Complex of Janna ’e Pruna and Su Notante are currently subject of a management (by Cooperativa Liber of Buddusò), aimed at enhancing, custody, maintenance, opening to the public with guided tours, financed by the Autonomous Sardinia Region, with the project presented by the Irgoli’s municipality in collaboration with the Archaeological Service for Cultural Heritage  to the Provinces of Sassari and Nuoro.

Torna ai contenuti | Torna al menu